Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

Doppio colpo per la Casa Euro: presi Circosta e Malfatti

Venerdì 21 Agosto 2015

Si va completando il roster a disposizione di coach Calabria: arrivano il play-guardia lo scorso anno a Matera in A2 e il centro classe ’90 proveniente da due anni a Livorno in B

Doppio colpo sotto il sole d’agosto per Casa Euro Basket Taranto che non ha perso tempo e ad appena un paio di giorni dall’inizio della preparazione ha messo a disposizione di coach Dante Calabria altre due pedine di livello: si tratta del play-guardia Valerio Circosta e del pivot Luca Malfatti.

Romano, classe 1987, 187 centimetri di altezza, play-guardia, Circosta ha cominciato nelle giovanili del Monte Paschi Siena per poi crescere cestisticamente attraverso diverse esperienze: Aprilia, Olbia, Ferentino, Ostuni, Anagni, spesso in doppia cifra e con percentuali da tre punti vicine al 40%, Bologna (sponda Fortitudo), Ferrara e Lucca. Nel 2014 ha contribuito alla promozione in DNB del Monsummano mentre lo scorso anno ha assaggiato la A2 o Lega Silver con Matera. Giocatore in grado di occupare senza problemi lo spot di playmaker e di guardia, buon difensore ed egregio tiratore dalla lunga distanza.

Luca Malfatti invece è un centro di 2 metri e 2 centimetri, classe 1990 (nato a Firenze ma vissuto sempre a Livorno) anche se lui si ama definire un “centro atipico, non sono proprio un classico 5, forse sarebbe meglio dire un 4 o comunque un centro dinamico”. Luca è dotato di eccellente tecnica spalle a canestro e grande rimbalzista ma non rifiuta le conclusioni dalla media distanza: lascia la Toscana dopo aver giocato, oltre che con i salesiani dove è cresciuto cestisticamente con San Vincenzo e Altopascio, negli ultimi due anni alla Don Bosco Livorno in serie B. “Volevo un’esperienza che mi facesse crescere ancora di più, che mi potesse lanciare definitivamente e soprattutto con la fiducia della società e dell’allenatore, credo di aver trovato qui a Taranto quello che mi serviva anche perché il mio modo di giocare, dalle prime impressioni, si sposa molto con ciò che vorrebbe il coach, una squadra giovane, che corre e sa giocare la palla. Ai tifosi prometto il massimo impegno”.